Bando “Tutela e promozione del diritto al cibo”

Regione Lombardia tutela il diritto di accedere ad una quantità sufficiente di cibo sicuro, sano e nutriente in quanto diritto fondamentale per tutti gli individui. Nel sostenere e promuovere politiche di contrasto alla povertà alimentare, riconosce il ruolo essenziale dell’agricoltura nella produzione del cibo.

Essa si prefigge i seguenti obiettivi:

  • dare valore al cibo lungo tutta la filiera agroalimentare;
  • ridurre gli sprechi alimentari dal campo alla tavola, recuperare e ridistribuire le eccedenze alimentari;
  • favorire l’utilizzo di sottoprodotti e prodotti agroalimentari con particolare attenzione all’alimentazione umana e alle caratteristiche nutraceutiche;
  • avere ricadute oggettive e misurabili di natura economica a livello di attività aziandale;
  • sostenere, incentivare e favorire le attività e le iniziative di organizzazioni pubbliche e private che contribuiscono a combattere la povertà in tutte le sue forme.

Con la “Legge di riconoscimento, tutela e promozione del diritto al cibo” del 2015, intende finanziare progetti innovativi:

  • nel campo della filiera agroalimentare, che va dalla produzione delle materie prime agricole fino allo smaltimento dei relativi rifiuti, a beneficio di consumatori e attori economici coinvolti;
  • nel campo dei processi e delle attività riguardanti la progettazione e la produzione di alimenti, il packaging, la logistica e la commercializzazione per valorizzare il mercato e dare un impatto significativo alle dinamiche di consumo;
  • nel campo di un’agricoltura sostenibile (tutela della biodiversità, diversificazione del paesaggio agricolo e degli ecosistemi, sistemi di produzione a ridotto impatto ambientale etc.) e multifunzionale ispirata ai princìpi dell’agroecologia;
  • nel campo della shelf life dei prodotti alimentari e del confezionamento dei medesimi, finalizzati alla limitazione degli sprechi e all’impiego delle eccedenze alimentari;
  • nel campo dello sviluppo della diffusione di informazioni che valorizzino il cibo lungo tutta la filiera, utili ai consumatori in genere o rivolti a target di particolare interesse.

 

Chi può partecipare

Al bando “Tutela e promozione del diritto al cibo” potranno partecipare presentando domanda:

  1. enti pubblici, università, organismi di diritto pubblico e soggetti a prevalente partecipazione pubblica;
  2. gli enti iscritti nel registro del terzo settore;
  3. soggetti privati costituiti per il perseguimento di finalità civiche solidaristiche e di utilità sociale che operano senza scopo di lucro, le associazioni di categoria, le associazioni riconosciute o non riconosciute, le fondazioni;
  4. soggetti pubblici e privati che operano con scopo di lucro e liberi professionisti, che si occupano della filiera agroalimentare;

Sono ammessi raggruppamenti, anche temporanei, tra i soggetti elencati. Ciascuno potrà partecipare ad un solo partenariato. Tutti i soggetti devono avere sede legale e/o operativa in Lombardia.

Dotazione Finanziaria

Le risorse a disposizione sono di € 400.000 di cui € 200.000 sull’esercizio finanziario 2021 e € 200.000 sull’esercizio finanziario 2022.

Per ogni domanda la spesa minima ammissibile a contributo è pari a € 20.000, mentre la spesa massima ammissibile è pari a € 60.000.

Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili ed effettivamente sostenute.

 

Come partecipare

Il contributo è concesso dopo una procedura valutativa effettuata seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria.
Oltre al superamento dell’istruttoria formale sarà svolto un controllo dei requisiti tecnici del progetto.

I criteri che verranno presi in considerazione in questa seconda parte sono i seguenti:

  • Innovazione
  • Concreta applicabilità del progetto
  • Presenza di indicatori e risultati misurabili
  • Dimensione di soggetti interessati alla ricaduta dell’iniziativa
  • Progetto di rete con eventuale coinvolgimento di produttori agricoli.
  • Valorizzazione della filiera corta.
  • Cofinanziamento del progetto
  • Livello di esperienza
  • Recupero eccedenze alimentari ai fini dell’alimentazione umana
  • Valorizzazione dei prodotti agricoli/ prodotti agroalimentari ai fini nutrizionali.
  • Forme di pubblicità del progetto

Cliccando qui è possibile consultare il testo completo del bando.

Il servizio dedicato di “Funky GAL, il primo sportello del biologico” è a disposizione per effettuare una consulenza o dare maggiori informazioni in merito. Per inviare una richiesta di contatto è sufficiente compilare questo form: il Bio-Distretto ti contatterà al più presto.

 

 

Hai un’azienda e sei interessato al progetto!

Contattaci per scoprire come aderire!

Contattaci
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER